I fidanzatini 2

Con Lidia e Carlo ci lasciammo dopo la doccia purificatrice e con la speranza di rivederci, fu così che dopo 5 giorni Lidia mi chiamò dicendomi di passare a prenderla per andare da un' amica.
Come d'accordo alle sei di sera ci trovammo sotto casa sua e partimmo verso un paese vicino , la meta era una casa un po' isolata con un modesto ma curato giardino, Sulla porta di casa ci accolse il marito che ci guidò in salotto, l'amica di Lidia , Anna ci attendeva vestita con un accappatoio che metteva in luce due belle gambe e i seni di una quarta misura.
Dopo le presentazioni Lidia mi disse che Anna voleva un massaggio come l'avevo fatto a lei e poi se volevo lo facevo anche al marito , Gianni. Vediamo come va risposi e invitai Anna a portarmi nella camera per cominciare il massaggio , si tolse l'accappatoio e si distese sul letto pancia in giù. Era ben fatta, magra e il culo rotondo e sodo , con i suoi 30 anni era al massimo della linea.
Versai molto olio sulle gambe, sul culo e sulla schiena, con movimenti lenti e leggeri cominciai, per dieci minuti massaggiai dai polpacci al collo con le mani aperte e con gli avanbracci , sussurrava parole di elogio
e mugugnava dal piacere.
Lidia e Gianni nel frattempo erano entrati e mentre guardavano il nostro fare si accarezzavano i relativi sessi
ad Anna versi dell'altro olio sulle chiappe per dedicarmi del tutto al buchetto e alla figa , infilai un dito nel culo e andai su e giù, poi due e poi tre dita, si dimenava e godeva come una troia.
Passai alla figa, tanto ara bagnata e unta che la mia mano entrò subito tutta, gridò dal piacere, misi altro olio e mi distesi sopra di lei massaggiandola con tutto il corpo e strisciando il cazzo nel solco del culo e della figa fino a farlo entrare , così la chiavai per un bel po'.
La feci girare, ma intanto Lidia stava ciucciando il cazzo di Gianni, palpai le tette di Anna stuzzicandogli i capezzoli fino a farli diventare duri e subito li succhiai, passai alla figa leccando il sugo del suo piacere e sgrillettando il clitoride con la lingua, ebbe un orgasmo e la mia bocca si riempì del suo umore.
La misi a pecorina e la chiavai sia nella figa che nel culo dove sborrai. Gianni intanto si mise dietro di me e cominciò ad accarezzarmi il culo, capii che era il suo turno e così gli dissi di distendersi pancia in giù , con tanto olio gli massaggiai solo il culo , un po' alla volta le dita entrarono dentro il buchetto senza fatica e con molta goduria da parte sua.
Lo girai con il cazzo verso l'alto, prima lo segai e poi mi misi a 69 e cominciai un pompino mentre lui mi leccava il culo , non ci mise molto a venirmi in bocca.
Lidia e Anna si erano messe a 69 e si leccavano la figa, mi intromisi e feci ciucciare il mio cazzo a Lidia finchè venne duro per poi chiavarla fino a farle venire un orgasmo da urlo e io la riempii di calda crema.
Finimmo sotto la doccia e con un'ultima carezza abbiamo tolto le prove dell'orgia.


Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!