• Pubblicata il:
  • Autore: BAD BOY
  • Categoria: Racconti orge
  • Pubblicata il:
  • Autore: BAD BOY
  • Categoria: Racconti orge

MAXI BURGER CON MAIONESE - side one - Venezia

MAXI BURGER CON MAIONESE - side one - Venezia

Salve a tutti. Sono il boy che ha scritto circa un mese fa. Questa volta voglio raccontarvi un'altra storia. Come forse ricordate, mi piacerebbe fare lo scrittore, perciò vi chiedo di commentare e giudicare anche questo mio racconto.
Due settimane fa, io ed il collega Manuel siamo stati ingaggiati per una trasferta da una signora che ci ha ricevuto in una suite dell'hotel Palazzo Venart a Venezia. Al telefono, dalla voce avevo capito che era straniera, ma sia io che Manuel siamo rimasti sorpresi nel vedere che era di colore. Di solito succede il contrario: sono le donne bianche a reclutare i boys neri fantasticando sui loro supercazzi. Invece si trattava di una diplomatica africana sui 50, abbastanza bella, ricca e apparentemente single, con un debole per gli italiani. Viso gradevole, pelle scura, molto scura, peso un po' abbondante, fianchi larghi e due seni davvero enormi. Superati i convenevoli, ha chiesto di vedere i nostri certificati sanitari (negatività ad HIV, epatiti ed altre malattie veneree), ci ha accompagnato nella lussuosa camera da letto matrimoniale e ci siamo spogliati. L'abbiamo accarezzata in due e distesa sul bordo del letto a gambe divaricate. Si era depilata da poco, ma i puntini rossi sull'inguine rivelavano una peluria altrimenti vasta e particolarmente folta. La vulva era piuttosto grande e carnosa. Così, a turno, l'abbiamo leccata a lungo con sapienza italiana, mentre lei raggiungeva almeno tre intensi orgasmi. Poi una prima breve pausa con coccole per farla rifiatare, e via col secondo round!
Ci siamo distesi a destra e sinistra di fianco a lei con i cazzi in tiro, invitandola a succhiarli. Devo ammettere che è stata fantastica, si è alternata spompinando uno e masturbando l'altro, ed è riuscita persino ad ingoiare lo sperma di entrambi con tempismo perfetto. Non era certamente la prima volta che faceva questo giochetto.
Dopo i due pompini sincronizzati, siamo tornati in anticamera e ci ha offerto dello champagne e degli squisiti pasticcini assortiti. Di solito, noi non beviamo in servizio, ma insisteva così tanto che abbiamo accettato per non offenderla.
Esaurita la pausa (anche i boys devono ricaricare la pistola), il dovere ci chiamava e abbiamo continuato lo show con un doppio smorzacandela alternato in cui la diplomatica si è sbizzarrita cavalcando e godendo dei nostri due cazzi uno dopo l'altro.
Dopo un altro break di mezz'ora a base di coccole, pasticcini e champagne, io e Manuel abbiamo deciso di farle una sorpresa, chiudendo in bellezza con una doppia penetrazione.

CONTINUA

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!