• Pubblicata il:
  • Autore: ALENDELòN
  • Categoria: Racconti etero
SESSO “AMARCORD” – 3^ puntata - Cento (FE) - Lucca Trasgressiva

SESSO “AMARCORD” – 3^ puntata - Cento (FE) - Lucca Trasgressiva

Mi girai sulla schiena e lei mi seguì rotolandomi sopra, ci baciammo appassionatamente fino a quando non si spostò sul mio corpo, afferrò il mio cazzo con la mano e lo massaggiò su e giù, sputandoci sopra per lubrificarlo. Era una sensazione incredibile: dopo tanti anni, Anna mi stava di nuovo pompando il cazzo!
Le sue labbra carnose si comportarono come una fica automatica, mi mordicchiò un po' la cappella facendomi lamentare, e il mio respiro diventò molto, ma molto pesante. Poi si tolse le mutande mostrando il tatuaggio sul culo che aveva fatto quando eravamo ragazzi. Le gambe mi tremavano mentre muoveva la sua lingua su e giù per il cazzo.
Si sollevò fissandomi con un sorriso da puttana, mi avvolse le cosce attorno e fece scivolare l'uccello dentro la fica dettando lei il ritmo, mentre le sue tette rimbalzavano e io la guardavo
Non potevo fare a meno di ricordare, era stata la mia vacca disponibile tanti anni prima, ora sentiva ancora il mio cazzo dentro di lei, e forse stava pensando la stessa cosa di me. Allora, come ai vecchi tempi, le chiesi di mettersi sotto, nella classica posizione dei fidanzatini, e continuai a pompare la sua fica il più forte e veloce possibile.
Le afferrai le mani, le misi sopra la sua testa e le bloccai, mentre osservavo tutte le emozioni fotografate dal suo viso. Mi fissò negli occhi faccia a faccia fino a quando la sua bocca si spalancò mentre ansimava. Io andavo sempre più veloce e sempre più forte. Le succhiai e le morsi i capezzoli mentre la sua fica si contraeva. Fece un lungo strillo che significava il raggiungimento dell'orgasmo, così le mie spinte diventarono più lente ma più violente, fino a schizzare cinque-sei getti di sborra densa dentro di lei (prendeva la pillola).
Eravamo senza fiato, rimanemmo a guardarci negli occhi per diversi minuti, lei sorrise tutto il tempo, poi si alzò e andò in bagno a scaricare lo sperma, tornò e rimase distesa tra le mie braccia per tutta la notte.
FINE

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, clicca qui

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI